Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Lavoro, Garanzia Giovani, Regione: diecimila gli iscritti

Abruzzo. Lavoro, Garanzia Giovani, Regione: diecimila gli iscritti

Sono circa diecimila, ad oggi, gli iscritti in Abruzzo a Garanzia giovani, il programma finalizzato a contrastare la disoccupazione. Il dato e’ stato fornito stamani dall’assessore regionale Marinella Sclocco nel corso di un seminario, a Pescara, promosso da Sgb Humangest su “Mercato del lavoro: il nuovo sistema attivo e dinamico di ingresso”. Sclocco ha ricordato che sono le Province a contattare i ragazzi, poi avviera’ con loro un percorso e promuovera’ un patto di attivazione, dopodiche’ saranno gli stessi giovani a dover rispondere agli avvisi dell’assessorato. “E’ disponibile, ha spiegato l’assessore, il percorso dell’apprendistato per la ricerca, per il servizio civile, dei tirocini e sta per uscire il percorso per l’orientamento e la formazione. E’ gia’ attivo, ha aggiunto, il bonus occupazionale per le aziende”. Parlando dei fondi a disposizione, l’assessore ha sottolineato che “i 31 milioni di euro riusciranno a soddisfare i diecimila iscritti. In questa fase – ha proseguito – e’ importante sollecitare le imprese ad iscriversi (dal 15 dicembre in poi) perche’ Garanzia giovani e’ un’occasione per i ragazzi per mettersi alla prova ma e’ anche un’opportunita’ per le imprese di avere dei ragazzi preparati. Oggi nella nostra regione e’ possibile accogliere un tirocinante anche nelle imprese da zero a cinque dipendenti. Non e’ stato facile – ha commentato Sclocco – far passare questa novita’, molti magari la scartano, e la nostra funzione e’ di far conoscere tale opportunita’. Ai ragazzi, ha ricordato, andra’ una indennita’ mensile di 600 euro”. Garanzia giovani prevede anche altre misure come la mobilita’ geografica, cioe’ la possibilita’ di fare esperienze lavorative all’estero. “Un’altra importante misura – ha concluso l’assessore – e’ l’auto imprenditorialita’ che verra’ promossa attraverso il meccanismo del microcredito e sara’ il governo a gestire questa misura”.

Print Friendly, PDF & Email