Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, l’automotive regge e tiene il passo dell’Est Europa

Abruzzo, l’automotive regge e tiene il passo dell’Est Europa

“Il quadro che esce dal Sole 24 ore circa l’importanza a livello nazionale che il Polo dell’Automotive abruzzese detiene, conferma ancora una volta l’efficacia delle nostre scelte di Politica Industriale, che hanno portato l’attuale governo regionale a finanziare detto settore strategico con cospicui fondi presenti all’interno della programmazione del FAS”. Lo afferma il vice presidente ed assessore allo Sviluppo economico, Alfredo Castiglione. Secondo le informazioni presentate dall’autorevole quotidiano, grazie alla filiera della Val di Sangro, la produzione italiana in termini di veicoli commerciali e’ l’unica – osserva Castiglione – ad aver tenuto il passo dell’Est europeo. Infatti, l’Italia in tal senso e’ seconda in Europa solo alla Turchia per tasso di specializzazione nella produzione di veicoli, consentendo alla produzione tricolore di garantire una percentuale del 18,4% del mercato globale europeo a fronte della contrazione subita dagli altri Paesi. Ancora una volta, dunque, si conferma l’importanza rappresentata da tale realta’ tra quelle piu’ importanti del settore manifatturiero, che negli ultimi anni e’ riuscita a crescere grazie anche alla buona diversificazione delle produzioni in esso presenti. Siamo confortati dai fatti rispetto alla scelta oculata di voler insistere sulla strada delle riforme strutturali e nel percorso di dotare il sistema economico regionale di attori che siano ‘interlocutori forti, locali e credibili’, i Poli di innovazione quali sistemi aggregativi di imprese e strumenti in grado di proiettare il sistema economico regionale sui mercati internazionali. Un sistema – commenta l’assessore – che l’attuale Governo regionale sta ridisegnando e che vede, come elemento portante, il protagonismo delle imprese votate all’innovazione. Quello che ritengo piu’ importante, in un momento in cui qualsiasi nave potrebbe essere inghiottita dai flutti di un mare in burrasca, e’ mantenere l’orientamento prefissato per approdare al porto individuato come piu’ sicuro. Tale visione ha prodotto e produrra’ i risultati attesi ed i dati forniti da ‘Il Sole 24 Ore’ rappresentano un utile riconoscimento dell’autorevolezza e della bonta’ delle scelte programmatiche compiute. Tali risultati saranno decisivi per il nostro sistema regionale. E’ necessario, infatti, valorizzare il ruolo della politica economica regionale attraverso un maggior sostegno alla ricerca industriale, all’innovazione, alla cultura delle imprese coinvolte attraverso una nuova modalita’ di ricerca di alleanze strategiche, nonche’ attraverso una maggiore efficienza del mercato finanziario. Noi dobbiamo lavorare per un Abruzzo che ‘da solo’ possa in un futuro molto prossimo, reagire ed essere pro-attivo sulle situazioni congiunturali, che diventi attore protagonista e non spettatore passivo di eventi non controllabili. E’ un percorso lungo e articolato – dice infine Castiglione – ma e’ l’unico perche’ non possiamo farci distrarre da cio’ che puo’ essere indicato ora come ‘urgente’, piuttosto che avere una visione di ampio respiro”.

Print Friendly, PDF & Email