Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Imprese, cresce clima di fiducia ma non c’è ancora la ripresa

Abruzzo. Imprese, cresce clima di fiducia ma non c’è ancora la ripresa

Il clima di fiducia delle imprese manifatturiere abruzzesi e’ ritornato a crescere mentre rimane negativo quello relativo alle previsioni dei consumatori. Lo rileva il report del centro studi di Confindustria Abruzzo sul secondo semestre 2013. L’Abruzzo si caratterizza per un ulteriore saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni di aziende nelle Camere di commercio delle quattro province. A cio’ si associa un tasso di disoccupazione tornato a crescere, aumenta la cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria, diminuisce quella in deroga. Le esportazioni segnano un (-2,7%). Sul piano dell’innovazione, si registra un’ulteriore seppur minima inversione di tendenza delle richieste di brevetti. Tendenziale omogeneita’ tra le quattro province, con la sola parziale eccezione del Pescarese in cui fatturato ed export sono in controtendenza e gli investimenti quasi del tutto assenti. Il settore che riporta complessivamente performance piu’ positive e’ quello farmaceutico mentre particolarmente sofferente appare quello di vetro e ceramica. Con riferimento alle previsioni sull’andamento dei principali indicatori produttivi, nel primo semestre del 2014 si evidenzia una sostanziale tendenza alla stabilita’. Un orientamento piu’ positivo lo registra Teramo. Le previsioni peggiori risultano ancora una volta quelle relative agli investimenti. Confindustria vede il rilancio attraverso l’impresa manifatturiera, in quanto unico attore del sistema economico in grado di creare crescita, sviluppo e posti di lavoro. Accanto alle imprese manifatturiere, va fatto ripartire il comparto dell’edilizia, che all’Aquila si lega alla ricostruzione. Da non trascurare il turismo, grazie agli inestimabili giacimenti naturalistici, culturali, eno-gastronomici. Interventi urgenti sono: semplificazione amministrativa. infrastrutture, soprattutto quelle leggere. Ancora oggi, l’area a maggior densita’ industriale della regione (la Val di Sangro) e’ sostanzialmente priva della banda larga, la vera autostrada del business ai giorni nostri. Credito: l’efficacia e l’efficienza dei Consorzi Fidi, Confindustria chiede che sia incrementata in maniera definitiva ed immediata. I pagamenti della pubblica amministrazione vanno saldati.

Print Friendly, PDF & Email