Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Giunta Regione, Copagri: positivo il mantenimento dell’assessorato all’agricoltura

Abruzzo. Giunta Regione, Copagri: positivo il mantenimento dell’assessorato all’agricoltura

“L’avevamo sollecitato ripetutamente e con forza affinche’ nella nuova giunta regionale presieduta da Luciano D’Alfonso, nonostante la riduzione numerica dei componenti, fosse mantenuta la postazione specifica per l’Agricoltura. Cosi’ e’ stato e ne siamo profondamente soddisfatti”. Lo afferma in una nota Camillo D’Amico, vicepresidente vicario Copagri Abruzzo, la confederazione dei produttori agricoli. Per D’Amicvo “E’ stato scongiurato il paventato pericolo di un mega assessorato alle Attivita’ Produttive dove l’Agricoltura rischiava di finire confusa tra Industria, Artigianato e Commercio. Auguriamo al presidente Luciano D’Alfonso e all’intero nuovo governo regionale un caloroso buon lavoro nella fiduciosa speranza che possano produrre bene per l’intero territorio Abruzzese alfine di rilanciare l’economia e l’occupazione. Al neo assessore all’Agricoltura Dino Pepe la Copagri Abruzzo, nel pieno rispetto dei ruoli, dara’ tutta la propria fattiva collaborazione per difendere le specificita’ produttive della nostra regione, l’ambiente ed il paesaggio soprattutto delle aree interne. Tra le priorita’ di lavoro del nuovo assessore la Copagri Abruzzo – dice il vicepresidnete vicario – ritiene di dare priorita’ a: lavorare per la costituzione di un’unica Dop dell’olio d’oliva abruzzese, una politica di aggregazione per i tre centri di ricerca (Cotir, Crab e Crivea), una nuova e piu’ moderna assistenza tecnica, un ruolo significativo e di vero servizio dell’A.R.A., un nuovo ruolo dei Consorzi di Bonifica anche attraverso una loro riduzione ma con servizi reali e concreti alle aziende agricole, una forte spinta all’aggregazione delle strutture economiche nel comparto vitivinicolo, una piu’ seria ed adeguata politica del credito verso le aziende agricole, una politica tesa alla sburocratizzazione, azioni tese al riaccorpamento aziendale nelle aree interne, l’apertura di credito verso il mondo della cooperazione, politiche venatorie tese al contenimento degli ungulati in special modo dei cinghiali. Confidiamo in un buon lavoro di concertazione vera con tutta la rappresentanza delle organizzazioni professionali agricole e del mondo della cooperazione”, conclude D’Amico.

Print Friendly, PDF & Email