Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, fondi Ue: intesa con Gdf per corretto utilizzo

Abruzzo, fondi Ue: intesa con Gdf per corretto utilizzo

Regione Abruzzo e Comando regionale della Guardia di finanza insieme per un corretto uso dei fondi strutturali comunitari. Il presidente Gianni Chiodi ed il generale Nunzio Antonio Ferla hanno firmato infatti un’intesa finalizzata al coordinamento sinergico delle attività di controllo e scambio informazioni in materia di finanziamenti Ue. «C’è bisogno di grande attenzione sull’impiego dei fondi pubblici europei e di un cambio di cultura che deve permeare tutta la comunità – ha detto il Governatore Chiodi -. È in gioco il ruolo ed il rango della Regione Abruzzo. Fino a qualche tempo fa, si riteneva che le risorse pubbliche fossero infinite e che fosse possibile dare tutto a tutti. Far credere possibile un uso smodato di detti fondi ha fatto sì da privare le giovani generazioni di una quota importante di futuro e di speranza». «La Guardia di Finanza – ha riconosciuto il Presidente – è un solido baluardo della legalità. La nostra, e la sua, è una doppia sfida: contrastare l’uso improprio di soldi pubblici comunitari». Il generale Ferla ha sottolineato come l’intesa sottoscritta stamane sia il seguito di un precedente accordo raggiunto tra l’Ente regionale e la Gdf nel 2002 ed ha ricordato i compiti principali dei finanzieri: lotta all’evasione/elusione fiscale ma anche controllo sulla spesa pubblica. «Con questo protocollo – ha detto il Generale – intendiamo creare un circuito positivo tra Gdf e Regione Abruzzo, basato su uno scambio di informazioni che porterà benefici sia all’una che all’altra parte». In sostanza, l’accordo impegna la Regione a fornire alla Finanza la banca dati dei beneficiari dei cofinanziamenti comunitari, con i relativi periodici aggiornamenti. Segnalerà anche tutti quei casi che possono apparire probabili violazioni tributarie. La Guardia di finanza, attraverso i Comandi provinciali, comunicherà all’Ente l’avvio di accessi, ispezioni e verifiche sui beneficiari del cofinanziamento; fornirà, previa autorizzazione dell’autorità giudiziaria, le generalità delle persone fisiche o giuridiche coinvolte, nonchè le disposizioni violate, la natura e l’entità della spesa, tempi e modalità dell’infrazione, possibilità di recupero.

Print Friendly, PDF & Email