Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Fondi Europei, ecco la nuova bozza dell’Fse 2014-2020

Abruzzo. Fondi Europei, ecco la nuova bozza dell’Fse 2014-2020

La bozza della nuova programmazione abruzzese del Po Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, il principale strumento finanziario con cui L’Unione europea sostiene l’occupazione negli Stati membri, e’ stata presentata questa mattina agli oltre 50 membri del Comitato di sorveglianza del Po Fse Abruzzo, riuniti a Vasto nella sede di palazzo D’Avalos, alla presenza del presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, coordinatore della Programmazione comunitaria, e dell’assessore al Lavoro e al Sociale, Marinella Sclocco. La dotazione finanziaria riservata all’Abruzzo, per il periodo di attuazione, e’ pari a 114 milioni di euro, decurtata di almeno due terzi rispetto alla precedente ripartizione, con il passaggio dell’Abruzzo nell’obiettivo “Transizione”. Cio’ comportera’ per l’Ente regione – come e’ stato spiegato – una pianificazione degli interventi che preveda la massima allocazione possibile delle risorse su iniziative che abbiano una capacita’ strategica nel tempo, anche attraverso una fattiva sinergia con gli obiettivi e le risorse finanziarie dei programmi Fers e Fears. L’avvio del periodo di programmazione dei fondi strutturali in Abruzzo – come si legge nel testo – si iscrive nel quadro di una crisi economica e sociale di ampia portata: la missione del Programma Operativo FSE 2014-2020 e’ dunque quella di correggere gli squilibri strutturali del mercato del lavoro abruzzese, e fronteggiare le conseguenze delle accresciute difficolta’ sociali, per promuovere “un’economia con un alto tasso di occupazione, in grado di favorire coesione economica, sociale e territoriale”. Questi gli obiettivi tematici individuati nella bozza del PO Fse 2014-2020 e ritenuti rispondenti al perseguimento della crescita e dello sviluppo economico e sociale dell’Abruzzo: promuovere un’occupazione sostenibile e di qualita’ e sostenere la mobilita’ dei lavoratori; promuovere l’inclusione sociale e combattere la poverta’ e ogni discriminazione; investire nell’istruzione, nella formazione e nella formazione professionale per le competenze e l’apprendimento permanente; rafforzare la capacita’ istituzionale delle autorita’ pubbliche e delle parti interessate a promuovere un’amministrazione pubblica efficiente. La tipologia dei beneficiari prevede: Regione, Province ed altri enti pubblici, Servizi per l’impiego, Imprese, altri soggetti pubblico/privati che operano nel mercato del lavoro. Questi, infine, i principali Gruppi Target: persone di eta’ inferiore a 25 anni; persone inattive; disoccupati, compresi i disoccupati di lunga durata; partecipanti con disabilita’; persone svantaggiate; migranti, partecipanti di origine straniera, minoranze (comprese le comunita’ emarginate come i Rom);persone di eta’ superiore a 54 anni; lavoratori, compresi i lavoratori autonomi, imprese.

Lavoro: Fse; D’Alfonso, reimparare progettazione di qualita’

Attivare con “immediatezza le procedure riferite alla progettazione ed essere capaci della migliore spesa possibile evitando che ci siano ritardi e complessita’ procedurali e burocratiche. Dobbiamo reimpare a fare progettazione di qualita’, poiche’ viviamo in una condizione di emergenza”. Lo ha dichiarato il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, aprendo questa mattina a Vasto il Comitato di sorveglianza sui fondi Po Fse che ha esaminato, tra l’altro, la bozza della nuova programmazione 2014-2020 e il piano esecutivo “Garanzia Giovani”. Una “Dieta di Westfalia per la sontuosita’ storica”, ha definito il Presidente la vasta platea dei partecipanti, nella suggestiva sala di Palazzo D’Avalos. “Se fossimo stati nell’800 forse avremmo parlato della categoria della guerra. Su questo fronte dobbiamo tutti sostenerci con una grande pretesa di ambizione di qualita’”. In ordine al piano escutivo di Garnanzia Giovani il Presidente ha sostenuto che “dobbiamo recuperare il tempo perso perche’ gli iscritti sono pochi rispetto a questa opportunita’. Una opportunita’ verso la quale il Governo nazionale si attende molto, ma anche il Governo regionale per le enormi inzitive per i giovani. Faremo l’impossibile per accompagnare questa nuova stagione”.

Print Friendly, PDF & Email