Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo: firmato protocollo per educazione finanziaria nelle scuole

Abruzzo: firmato protocollo per educazione finanziaria nelle scuole

«L’educazione finanziaria entra in classe». Un protocollo d’intesa fra la Regione Abruzzo, l’Ufficio scolastico regionale per l’Abruzzo e l’Anasf, l’associazione nazionale dei promotori finanziari, è stato sottoscritto questa mattina a Pescara, presso la sede della Regione Abruzzo, dall’assessore all’Istruzione, Paolo Gatti, dal vicepresidente vicario dell’Anasf, Gian Franco Giannini Guazzugli, e dal nuovo direttore dell’ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia. L’obiettivo del protocollo, il primo del genere in Italia, è quello di sviluppare attività di formazione e informazione sull’educazione finanziaria per il secondo ciclo d’istruzione e farla divenire parte integrante della formazione dei giovani studenti abruzzesi. L’Anasf s’impegna a realizzare gratuitamente le attività formative secondo il modello didattico del Progetto di educazione finanziaria denominato «Economic mente – Metti in conto il tuo futuro», rivolto agli studenti del terzo, quarto e quinto anno degli istituti secondari di secondo grado. L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Abruzzo si attiverà per far conoscere e promuovere l’iniziativa presso le Istituzioni Scolastiche del secondo ciclo d’istruzione dell’Abruzzo, invitandole a inserirle nei rispettivi Piani dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2012/13. «Abbiamo ritenuto importante, soprattutto in questa fase della nostra storia, – ha affermato l’assesore Gatti – promuovere un’iniziativa che vuole destare l’interesse e la conoscenza sui temi dell’economia e della finanza. È utile sviluppare la consapevolezza del ruolo del denaro e della necessità di gestirlo responsabilmente. Con questo protocollo – ha continuato – desideriamo sostenere le attività formative rivolte agli studenti abruzzesi del secondo ciclo e dare loro l’opportunità di entrare prima possibile a contatto con un mondo che troppo spesso ci vede sprovvisti di strumenti utili per la comprensione, l’analisi e la gestione delle dinamiche finanziarie».

Print Friendly, PDF & Email