Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo: “Disoccupazione ai livelli delle regioni del Nord”

Abruzzo: “Disoccupazione ai livelli delle regioni del Nord”

In Abruzzo il tasso di disoccupazione nel 2012 si ferma al 10,8%. Lo rivela l’Istat dopo la pubblicazione dei dati sull’andamento del mercato del lavoro regione per regione. Si tratta di un risultato che risente della generale crisi economica e occupazionale del Paese, in un anno in cui piu’ forte si e’ avvertito il disagio economico e sociale sul territorio. ”Il dato abruzzese – dice il presidente della Regione, Gianni Chiodi – e’ assolutamente in linea con quello della media nazionale che si attesta al 10,7%. Un dato nettamente inferiore alle regioni del Mezzogiorno che contano su un indice del 17,2%, ben al di sopra degli standard regionali abruzzesi. Se questo da un lato puo’ essere un aspetto rassicurante per la nostra regione – aggiunge Chiodi – dall’altro non attenua la drammaticita’ del dato occupazionale sul territorio, anche perche’ rispetto all’anno scorso la percentuale dei disoccupati abruzzesi e’ salita di 2,3 punti percentuali, anche qui in piena rispondenza con il dato nazionale”. Per Chiodi ”sono cifre che pero’, se si vuole guardare ai nostri interlocutori economici e possibili investitori sul territorio, delineano la capacita’ di questa regione di attestarsi allo stesso livello delle economie delle regioni centrali italiane e di discostarsi invece dai parametri delle regioni del Mezzogiorno, aprendo di fatto ad ipotesi di sviluppo che tendono ad uscire dai canoni dell’economia del Sud Italia”. ”In questo senso – puntualizza il Governatore – va segnalato il fatto che siamo la quarta regione in Italia per incremento del tasso di attivita”’. In particolare il dato disaggregato che interessa l’Abruzzo indica in 508 mila gli occupati nei settori dell’agricoltura (15 mila), nell’industria (164 mila), nei servizi (329 mila); nel 2011 gli occupati erano 507 mila, cioe’ mille in meno, ma nel 2012 la forza lavoro (occupati + disoccupati) ammonta a 570 mila rispetto ai 554 del 2011. Questo comporta anche un ampliamento della base di lavoratori, per lo piu’ giovani, che e’ in cerca di prima occupazione e che nei dati Istat ammonta a 62 mila persone. ”E proprio guardando questi dati – conclude il presidente Chiodi – che stiamo avviando importanti politiche di sostengo agli investimenti nel settore giovanile, a partire dal bando ‘Hope’ delle starp-up sulle imprese innovative, sul finanziamento dei progetti ‘Lavorare in Abruzzo’ e sui bandi che riguardano le imprese turistiche sulle destinazioni (Dmc) e sul prodotto (Pmc)”

Print Friendly, PDF & Email