Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Conferimento medaglia Aprutium a Sergio Marchionne, tutti gli interventi

Abruzzo. Conferimento medaglia Aprutium a Sergio Marchionne, tutti gli interventi

Abruzzo. Marchionne e il successo dell’operazione con Chrysler

“L’operazione condotta negli Stati Uniti con Chrysler e’ stato un capolavoro, al cui successo i lavoratori ed i collaboratori hanno contribuito in maniera determinante, ci mancherebbe altro, ma va riconosciuto a Sergio Marchionne il merito principale, cosi’ come gli sarebbe stato attribuito personalmente un eventuale fallimento”. Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, nel corso del suo intervento in occasione del conferimento della medaglia ‘Aprutium’ all’amministratore delegato della Casa automobilistica torinese.

“Invece – ha osservato Pagano – in pochi anni Chrysler e’ stata risanata e ha rimborsato il prestito avuto dal Governo americano. E’ dell’altro ieri la notizia che il Gruppo ha archiviato in America il miglior settembre nelle vendite dal 2007, con +1%, mentre gli analisti scommettevano sul suo calo di quasi il 3%. Per fortuna sbagliano anche loro”. Secondo il presidente del Consiglio regionale, “a livello complessivo la joint venture con Chrysler ha ridato solidita’ e prospettiva al marchio Fiat in un contesto internazionale, dandogli visibilita’ e riconoscibilita’ mondiale. Sono anche questi – ha commentato infine Pagano – i motivi per i quali abbiamo conferito a Sergio Marchionne questo piccolo grande riconoscimento, che viene dalla sua terra d’origine, alla quale sappiamo continua ad essere legato”.

Nel comune di Atessa, in Abruzzo, c’e’ il piu’ grande stabilimento europeo che produce il Ducato della Fiat. Nella fabbrica sono occupate piu’ di 6mila persone. Non piu’ di tre mesi fa Marchionne aveva annunciato un investimento di 700 milioni di euro nei prossimi 5 anni. “Davvero una bella notizia”, commento’ il presidente Pagano nel corso della visita di Sergio Marchionne proprio nello stabilimento di Atessa.

Abruzzo. Fiat, industrializzare la trasformazione del Ducato nella regione

“Sogno un furgone Ducato che una volta uscito dagli stabilimenti di Atessa, poi rimanga qui in Abruzzo per la sue successive trasformazioni in molteplici applicazioni industriali. Un Ducato diventa autoambulanza, diventa camper, diventa minibus, oltre a infinite altre modalita’ di utilizzazione. Lo dobbiamo e possiamo fare qui, in Val di Sangro. Noi vogliamo industrializzare la trasformazione del Ducato in Abruzzo: questa e’ la nostra proposta”. Lo ha detto il capogruppo del PD Camillo D’Alessandro, nel suo intervento durante la cerimonia di consegna della Medaglia Aprutium a Sergio Marchionne. “Assumiamo l’impegno che mai piu’ possa accadere di non inserire quale infrastruttura strategica prioritaria il completamento della FondoValle Sangro. Noi – ha continuato D’Alessandro rivolgendosi a Marchionne – le garantiamo il diritto alla velocita’ degli spostamenti e ci candidiamo a essere il primo partner industriale della Fiat”. D’Alessandro, infine, ha chiesto in modo diretto a Marchionne di aprire la seconda fase delle relazioni sindacali in Italia. “Dopo lo scontro – ha concluso l’esponente del PD – dopo i pronunciamenti della Corte costituzionale, dopo la chiarezza delle posizioni, nel rispetto della volonta’ della maggioranza dei lavoratori e dei contratti sottoscritti, nel rispetto del diritto alla rappresentanza sindacale, lei puo’ riannodare il filo spezzato”.

Abruzzo, Marchionne simbolo dell’“abruzzesità” nel mondo

“Sergio Marchionne, in questi anni, ha rappresentato ed esaltato, nel mondo l’essenza piu’ pura e nobile dell’abruzzesita’: la creativita’, la determinazione, lo spirito si sacrificio, il pragmatismo. L’Abruzzo rende onore e omaggia uno dei suoi figli piu’ illustri dell’eta’ moderna”. Lo ha detto il presidente della regione Abruzzo, Gianni Chiodi, nel corso del suo intervento in consiglio regionale dove all’amministratore delegato della Fiat e’ stata conferita la medaglia ‘Aprutium’, “per aver onorato la terra d’Abruzzo con la sua prestigiosa attivita’ grazie alla quale la Fiat e’ diventata un’azienda riconosciuta in tutto il mondo”.

“Oggi – ha osservato Chiodi – riconosciamo a Sergio Marchionne l’impegno indiscusso per la sua terra. E’ recente, infatti, la sua visita alla Sevel di Atessa (Chieti) ed il suo annuncio di cospicui investimenti (700 milioni, ndr) per il consolidamento ed il rilancio dell’automotive nella Val di Sangro. E tutti comprendiamo, in questo periodo di profonda crisi economica e strutturale, il valore di questa politica che privilegia il radicamento sul territorio di un gruppo produttivo leader quale e’ la Fiat”. Il presidente della regione Abruzzo ha ricordato come l’ad della casa automobilistica torinese sia “riuscito ad affermarsi in Italia ma anche negli Stati Uniti, e di riflesso nel mondo, per la sua grande professionalita’, per la lungimiranza imprenditoriale ma anche per la linearita’ ed il coraggio delle scelte. Sergio Marchionne lo celebriamo perche’ non ha mai dimenticato l’Abruzzo. E l’Abruzzo non ha mai dimenticato di aver dato i natali a Sergio Marchionne. La medaglia ‘Aprutium’ gli abbiamo consegnato testimonia la riconoscenza degli abruzzesi per il lavoro finora svolto per la crescita dell’occupazione e del prestigio dei suoi corregionali. Marchionne – ha commentato infine il presidente Chiodi – ci ha dato fiducia e noi lo stiamo ripagando con la sua stessa moneta. E’ l’occasione per ringraziare un top manager, un uomo che non dimentica le sue radici, ma soprattutto un amico”. Alla cerimonia di stamane, oltre al sindaco di Cugnoli, paesetto del chietino nel quale e’ nato il padre di Marchionne, ha partecipato anche il cantante di Pescara Piero Mazzocchetti che ha intonato il brano ‘Nessun dorma’.

Italia. Fiat, produzione in Italia e un atto di coraggio e fiducia per Marchionne

Avviare “nuove produzioni nei nostri stabilimenti italiani, destinate a servire i mercati di tutto il mondo” e’ un “atto di coraggio contro il declino e un gesto di fiducia verso il futuro”. Lo ha detto l’ad di Fiat, Sergio Marchionne ricevendo a L’Aquila il premio ‘Aprutium’ conferito dal Consiglio regionale dell’Abruzzo. Durante il suo intervento Marchionne ha aggiunto che la strategia della Fiat di “sfruttare il nostro patrimonio storico dei nostri marchi premium” “ci permettera’ di contrastare gli effetti del crollo della domanda di auto in Europa che e’ ai livelli piu’ bassi degli ultimi decenni”.

Europa. Settore auto, lieve recupero nel 2014

Un recupero del settore auto in Europa potrebbe esserci nel 2014, ma non sara’ significativo. Lo dice Sergio Marchionne, a margine di una cerimona a L’Aquila. Alla domanda su quando prevede che ci sara’ un recupero nel mercato europeo e se questo abbia toccato il fondo, Marchionne ha osservato che “qualcuno parla di un recupero nel 2014. Puo’ darsi che ci sia – ha aggiunto – ma non e’ niente di significativo, non credo che si puo’ cambiare opinione sull’attivita’ dell’auto in Europa e basarla su quelle previsioni”.

Italia. Fiat, pregiudizi sull’azienda per Marchionne

Sulla Fiat “continuano a resistere pregiudizi” e qualcuno “alimenta questa distorsione della realta’ in modo consapevole e pretestuoso”. Lo ha detto l’ad della casa torinese, Sergio Marchionne, intervenendo all’Aquila durante la cerimonia di consegna del premio ‘Aprutium’. “Non possiamo nasconderci oggi – ha detto Marchionne – che continuano a esserci letture contrastanti e talvolta polemiche intorno a delle scelte che abbiamo fatto: scelte di rottura col passato”.

Secondo Marchionne, “continuano a resistere nel Paese tanti pregiudizi intorno alla Fiat, sulla qualita’ dei nostri modelli, su un’azienda monopolistica e assistita dallo Stato, su una presunta ingerenza nella vita politica. L’immagine della Fiat – ha continuato il manager – e’ rimasta per tanta parte dell’opinione pubblica un riflesso di quello che era negli anni Sessanta. Qualcuno alimenta questa distorsione della realta’ – ha proseguito – in modo consapevole e pretestuoso”. Secondo Marchionne, invece, “il ritmo del cambiamento che la Fiat ha seguito e’ stato cosi’ veloce che in qualche modo ha contribuito ad ampliare la distanza col Paese” e l’azienda ha fatto “enormi sforzi negli ultimi dieci anni per uscire da un isolamento che ne avrebbe pregiudicato il futuro”.

Italia. Crisi, l’Italia intera deve prendere esempio dall’atteggiamento degli abruzzesi

“Gli abruzzesi cadono e si rialzano da soli, non perdono tempo a lamentarsi, ma fanno producono e ricostruiscono: credo che questo sia l’atteggiamento di cui ha bisogno l’Italia”. Cosi’ l’ad di Fiat, Sergio Marchionne, ha concluso il suo intervento al Consiglio Regionale abruzzese dopo aver ricevuto il premio ‘Aprutium’.

 

Print Friendly, PDF & Email