Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Banche: Cisl, vicende negative causa desertificazione credito

Abruzzo. Banche: Cisl, vicende negative causa desertificazione credito

“Le vicende negative delle maggiori banche abruzzesi hanno favorito la desertificazione creditizia dell’Abruzzo: perdita di posti di lavoro, di professionalita’, di sostegno al sistema produttivo locale”. Lo affermano, in una nota, il segretario generale della First Cisl AbruzzoMolise, Caludio Bellini, e il segretario generale del sindacato Maurizio Spina. “Viviamo in questi giorni, con apprensione la crisi della Carichieti, commissariata nel settembre del 2014 da Banca d’Italia e posta in ‘Risoluzione’ nel novembre 2015. Stiamo aspettando una soluzione positiva ma di sicuro questa portera’ in ogni caso alla perdita di autonomia della Banca. La vertenza della Carichieti – ricorda la Cisl – e’ oggetto di tavoli di confronto nazionali tra le organizzazioni sindacali e l’unita’ di Risoluzione: auspichiamo una soluzione trasparente per garantire la normale attivita’ bancaria e la necessaria serenita’ delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti. E’ evidente che tutto questo deriva da una cattiva gestione delle banche che in passato erano il punto di riferimento dell’economia locale, come le ex Casse di Risparmio e qualche BCC”. Secondo Bellinie Spina “Il sistema di vigilanza non ha saputo svolgere il proprio ruolo di controllo dell’attivita’ bancaria e dell’operato di una Governace e di un Managment, spesso, non all’altezza dei propri compiti, o molto peggio, molto sensibili alle esigenze economiche degli amici e della politica. In Abruzzo la classe politica non si interroga se l’economia abbia bisogno o meno del sostegno di banche virtuose e sensibili alle esigenze del tessuto economico e sociale del territorio, ma chiede che il sistema banche conceda credito ma senza adottare politiche a favore del sistema creditizio. Non siamo nostalgici, non guardiamo indietro – sottolineano i due segretari – siamo pero’ convinti che alcune caratteristiche le banche che operano sul nostro territorio dovrebbero averle: essere una banca di relazione, che significa privilegiare rapporti di lunga durata e conoscenza della clientela, essere una banca legata al proprio territorio di riferimento e condividerne le esigenze e le sorti, consapevoli che lo sviluppo della banca e’ strettamente legato allo sviluppo economico del territorio. Che fine ha fatto la costituzione dell’Osservatorio sul sistema creditizio Abruzzese?”, si chiedono i sindacalisti.

Print Friendly, PDF & Email