Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, Banca dell’Adriatico: dipendenti incrociano le braccia

Abruzzo, Banca dell’Adriatico: dipendenti incrociano le braccia

Non si salvano in questo periodo, neanche i posti di lavoro fino a qualche tempo fa ritenuti blindati. Il ‘posto in banca’continua a tremare in Abruzzo. Sciopereranno il prossimo 2 luglio infatti, tutti i dipendenti di Banca dell’Adriatico-Intesa San Paolo. 

La protesta è stata indetta dai sindacati di categoria Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Ugl e Uilca. Il motivo, “il rischio di tagli agli sportelli e di riduzione del personale del primo Gruppo bancario nazionale”. La banca in Abruzzo è presente con 91 filiali, e per dimensioni rappresenta il secondo Istituto di credito regionale. 

I motivi in dettaglio dello sciopero: tagli indiscriminati sul costo del lavoro, che l’azienda vuole attuare anche a seguito delle ultime modifiche del “Decreto Fornero”; tentare di evitare la chiusura di 1000 filiali italiane, Abruzzo compreso; per il mantenimento dei diritti conquistati, con accordi integrativi di Gruppo, senza i quali si avranno gravi ricadute sulle garanzie occupazionali. L’intento è quello di “convincere l’azienda a rivedere le proprie posizioni e a ripristinare un clima di dialogo costruttivo”.

Print Friendly, PDF & Email