Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Artigianato trema di fronte al ‘caso’ Cina: quasi 1400 lavoratori a rischio

Abruzzo. Artigianato trema di fronte al ‘caso’ Cina: quasi 1400 lavoratori a rischio

Sono 1.390 gli occupati dell’artigianato abruzzese che sarebbero a rischio, nei prossimi 3-5 anni, in caso di riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato; il dato e’ pari al 2% del totale dell’artigianato regionale. E’ quanto emerge da un approfondimento di Confartigianato Abruzzo, che ha elaborato i dati contenuti in uno studio della Confederazione nazionale. Del totale, 1.010 lavoratori, cioe’ il 72,7%, operano nel settore manifatturiero. Piu’ in generale, a rischio, negli anni successivi al riconoscimento, sarebbe il 5,5% degli addetti al manifatturiero regionale, dato che colloca l’Abruzzo al quinto posto della classifica nazionale. Ad essere piu’ esposto e’ il ramo del tessile, abbigliamento e pelle, con 530 lavoratori a rischio. Seguono i settori della produzione di mobili (130 unita’ a rischio), di metallo (110) e vari (130). Gli altri addetti a rischio sono quelli delle costruzioni e dei servizi (380 lavoratori). A livello nazionale sono a rischio 69.780 addetti, pari al 2,5% degli occupati dell’artigianato; il 77,4% di tali addetti opera nel settore del manifatturiero artigiano, che presenta un tasso di esposizione al rischio del 5,5%. La regione con il piu’ alto tasso di occupati nell’artigianato manifatturiero a rischio e’ la Toscana con l’8,3%, seguita da Marche (7,8%), Umbria (6,3%) e Veneto (6,1%).

Print Friendly, PDF & Email