Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Artigianato, Cna: dati andamento Albo imprese artigiane terzo trimestre 2013

Abruzzo. Artigianato, Cna: dati andamento Albo imprese artigiane terzo trimestre 2013

Continua a perdere terreno l’artigianato abruzzese, con la sola provincia pescarese in lieve controtendenza. Lo rivela lo studio realizzato da Aldo Ronci su dati di Infocamere per la Cna regionale, relativo all’andamento dell’Albo delle imprese artigiane nel terzo trimestre del 2013. In Abruzzo, afferma la ricerca, tra giugno e settembre le imprese artigiane sono diminuite di 108 unità, registrando – ma ormai non è più una novità – il peggior risultato degli ultimi dieci anni, e una performance in percentuale tre volte peggiore della media nazionale: -0,31% contro -0,13%.

Eppure, illustra il curatore della ricerca, «le variazioni nelle province abruzzesi non sono state omogenee. Infatti, mentre le province dell’Aquila (-44), di Teramo (-32) e Chieti (-40) hanno subito perdite molto pesanti, solo Pescara, al contrario, viaggia in lieve controtendenza, con un incremento di 8 unità». Il risultato della provincia adriatica si spiega con la crescita delle industrie manifatturiere (3 in più, contro le perdite, tutte nell’ordine della decina, registrate dalle altre tre province), la minor caduta del settore delle costruzioni (con 7 unità in meno l’area pescarese decresce meno delle altre) e con l’aumento delle piccole imprese dei servizi, cresciute di 11 unità a fronte della caduta delle altre province.

I cattivi risultati del terzo trimestre dell’anno finiscono, inevitabilmente, per aggravare la caduta registrata da gennaio: all’appello mancano infatti ben 849 imprese artigiane, con flessioni particolarmente vistose nel Chietino (-285), nel Teramano (-255) e nell’Aquilano (-201), e pure nel Pescarese (-108), seppure meno accentuate. Una crisi, quella dell’artigianato, nemmeno lontanamente paragonabile alle difficoltà che pure vivono le imprese in generale: prova ne sia il fatto che, nello stesso periodo dell’anno, il saldo tra iscrizioni e cancellazioni del totale delle imprese è negativo per 384 unità. Senza l’artigianato, dunque, e il suo saldo negativo di 849 imprese, il dato generale sarebbe addirittura positivo per 465 unità.

Tra i settori, dice ancora Ronci, «nei primi nove mesi del 2013 le imprese artigiane hanno subito variazioni negative consistenti nelle costruzioni (-503 unità), l’industria (-181, con cadute pesanti nell’abbigliamento e nel legno), nei trasporti (-58), i servizi (-118), le riparazioni di auto e apparecchi per la casa (-52), con l’agricoltura costante e la ristorazione che cresce di 9 unità». A destare ancora più impressione, finendo per comporre un quadro davvero a tinte fosche, il dato che sintetizza l’andamento dell’artigianato abruzzese tra la fine del 2010 e lo scorso settembre: un autentico bollettino di guerra, se è vero che in soli due anni e nove mesi si è verificata una flessione nel settore dell’artigianato di 2.295 imprese attive e di ben 6mila occupati. Mai così male, se è vero che per la prima volta in undici anni il numero delle imprese attive è sceso sotto la soglia delle 34mila unità.

«Le cifre dello studio confermano quanto andiamo dicendo da tre anni a questa parte: ovvero che l’artigianato, per un decennio motore dello sviluppo abruzzese, con tassi di crescita più alti rispetto a quelli nazionali, ha esaurito la sua “spinta propulsiva”. Addirittura, senza l’artigianato, il saldo generale tra iscrizioni e cancellazioni risulterebbe positivo: il problema, insomma, si annida proprio qui». Lo afferma il direttore della Cna regionale, Graziano Di Costanzo, secondo cui «colpisce il fatto che, nell’ultimo triennio, i dati negativi della nostra regione siano largamente peggiori della media nazionale. Desta impressione, in particolare, la caduta verticale del comparto delle costruzioni, che da solo rappresenta il 60% del totale del saldo negativo. Uno scandalo, alla luce del fatto che perfino il territorio aquilano, ovvero l’area interessata dalla presenza del più grande cantiere edile d’Europa, per la ricostruzione post-sisma, veda una imponente flessione delle imprese di costruzioni. Insomma, occorre davvero cambiare passo nella ricostruzione della città e dell’intero cratere sismico».

A detta di Di Costanzo, poi, «serve una decisa accelerazione nella capacità di erogare i fondi pubblici destinati alle imprese da parte della Regione, riformando drasticamente la macchina burocratica, e premiando merito e competenze. Un modo, questo, che permetterebbe di alleggerire la pesante stretta creditizia operata dal sistema bancario negli ultimi anni». Infine, per Di Costanzo «resta intatta la necessità di abbattere la pressione fiscale, partendo dalle addizionali regionali su Irpef e Irap, per finire alle aliquote applicate, dai Comuni, sull’Imu per le attività produttive».

 

Print Friendly, PDF & Email