Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, appello alla Regione: “fondi Fas a Confidi e edilizia”

Abruzzo, appello alla Regione: “fondi Fas a Confidi e edilizia”

Confesercenti, Cna, Confartigianato, Claai e Casartigiani chiedono al presidente della Regione, Gianni Chiodi, di destinare 24 milioni di euro, recuperati dai fondi Fas, all’attività dei confidi. Il settore è in sofferenza e nei primi sei mesi del 2012 la quota di credito destinata al sistema produttivo abruzzese ha subito un taglio di 108 milioni di euro. Nella regione il calo dei finanziamenti alle imprese è pari al 6,7%, su base annua, contro una diminuzione media nazionale del 4,6%. Nel resto d’Italia solo Marche e Molise hanno subito una stretta peggiore. Una delle conseguenze più immediate, accentuata dal crollo della domanda interna, è che molte aziende sono costrette a chiudere. In Abruzzo, soltanto nel settore dell’artigianato, nei primi sei mesi del 2012 il saldo tra aperture e cessazioni evidenzia un passivo di 612 unità. «Si parla molto dei problemi che interessano le grandi industrie – rimarca Italo Lupo, presidente regionale di Cna – ma ci si dimentica che negli ultimi tempi le piccole imprese sono state costrette a mandare a casa migliaia di lavoratori che stanno sperimentando condizioni di vita drammatiche». Le aziende con meno di 20 dipendenti, d’altronde, occupano il 50% della forza lavoro regionale e producono i due terzi del Pil abruzzese. «Rimodulare i fondi di garanzia per i confidi – aggiunge Lupo – significa facilitare l’accesso al credito da parte delle imprese e salvare posti di lavoro». Il presidente di Cna Abruzzo, inoltre, è scettico sui benefici generati dalla riduzione delle addizionali Irap e Irpef annunciata dalla Regione. «Restituire 40 milioni di euro a un milione e 300 mila abitanti, equivale a distribuire poco più di 3 euro a cittadino – conclude Lupo -. Una cifra ridicola, certamente insufficiente a rilanciare i consumi e sarebbe stato più utile rimettere quei fondi in circolo sostenendo le imprese». Americo Di Menno, responsabile regionale di Casartigiani, sottolinea che «i confidi sono in grado di arrivare con immediatezza dove c’è reale necessità per le imprese, restituendo quanto meno un po’ di fiducia». Di Menno mette in luce che «le banche stanno elevando in modo spropositato i tassi d’interesse» e che «se le aziende non riescono a consolidare il pregresso, non potranno mai investire su innovazione e ricerca». Le associazioni di categoria, inoltre, non nascondono un certo risentimento nei confronti delle istituzioni europee. «All’Europa la piccola impresa non piace – polemizza il referente di Casartigiani – e sta facendo di tutto per tagliarci le gambe». Gli fa eco il segretario regionale di Confartigianato, Daniele Giangiulli: «L’Abruzzo è la terza regione d’Italia per contrazione del credito, mentre la Banca Europea ha compiuto un’iniezione di liquidità, pari a 250 milioni di euro, che è stata destinata quasi esclusivamente a sistemare i conti delle banche». Federico Del Grosso, direttore di Claai Abruzzo, invoca il supporto a «un sistema dei confidi che nella regione copre circa 150 mila imprese, molte delle quali sono in grande sofferenza». Il direttore regionale di Confesercenti, Enzo Giammarino, esorta a premere il piede sull’acceleratore. «Dobbiamo raccogliere subito la disponibilità del presidente Chiodi ad anticipare parte dei fondi Fas a sostegno del credito – afferma Giammarino -. Dunque si convochi immediatamente il tavolo del Patto per lo sviluppo e si provveda al più presto alla delibera del provvedimento».
Da il tempo
Ma anche l’edilizia patisce un periodo di estrema sofferenza.
Per rilanciare in Abruzzo il settore dell’edilizia, che nel 2012 ha perso 7 mila posti di lavoro, la Fillea Cgil chiede alla Regione, tra le altre cose, di finanziare con 100 milioni di fondi Fas la costruzione di nuove case popolari. Per Silvio Amicucci, segretario regionale Fillea Cgil, la crisi dell’edilizia “e’ enorme. Alla Micron di Avezzano – ha detto – si contano 700 esuberi, in questo settore dieci volte tanto. La situazione,dunque, e’ veramente drammatica. Per questo servono azioni concrete da parte della Regione, come quella di destinare 100 milioni di Fas per realizzare nuovi alloggi popolari e dare in questo modo anche una risposta ad un disagio abitativo che sta diventando una vera emergenza regionale. Inoltre chiediamo di portare a compimento alcuni disegni di legge per dare una scossa al settore”. Per il segretario della Fillea Cgil occorre anche un’inversione nell’ottica della sostenibilita’: ” fino ad oggi si e’ costruito tanto e male, sfruttando il territorio. Ora c’ e’ bisogno di ripensare il settore costruendo bene e in modo utile per la citta’”. Innovazione e sostenibilita’ sono anche i temi del convegno in programma l’11 dicembre a Pescara “in quell’occasione – ha detto Stefano Cianciotta, del Polo dell’Edilizia – presenteremo un progetto approvato di recente riguardante la ricostruzione degli uffici del tribunale dell’Aquila. Sara’ il primo tribunale italiano interamente bioclimatico che favorira’ il risparmio energetico”. 

Print Friendly, PDF & Email