Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, Ance: edilizia in crisi profonda

Abruzzo, Ance: edilizia in crisi profonda

Una delegazione dell’Ance Abruzzo (Associazione nazionale dei costruttori edili) è stata ricevuta oggi dalla Conferenza dei Capigruppo del Consiglio regionale che si è riunita a L’Aquila sotto la Presidenza di Nazario Pagano. La delegazione, guidata dal Presidente regionale Antonio D’Intino, ha sollecitato l’incontro per avviare alcune iniziative di sensibilizzazione nei confronti del Consiglio regionale sulle problematiche emergenti del settore delle costruzioni, ma anche per sottolineare che l’edilizia, nonostante viva una stagione di crisi profonda, può rappresentare ancora l’unico comparto in grado di assicurare, a costo zero, ripresa economica ed occupazione. Particolare attenzione è stato posto anche alla normativa sulle attività estrattive. Secondo Ance-Abruzzo, l’edilizia rappresenta uno dei principali settori economici della regione. Circa il 10% degli addetti, il 13% del Pil, il 30% degli occupati dell’industria, piu’ di 80 settori collegati con un fatturato di circa 4,5 miliardi di euro l’anno. Il mercato è così suddiviso: 50% abitazioni, ( 20% nuove, 30% recupero) circa il 30% delle costruzioni non residenziali, circa il 20% di opere pubbliche. Com’è evidente, è stato spiegato, circa l’80% del fatturato deriva da investimenti privati (50% imprese, 30% privati cittadini) mentre gli occupati (secondo dati Istat), nel 2011, sono stati circa 42.000, in flessione rispetto agli anni precedenti Dal 2007 è iniziata una crisi che ha portato ad una flessione del 30% sui nuovi investimenti che si ripercuoteranno pesantemente anche sull’occupazione nel corso del 2012. Secondo Ance Abruzzo si stima che la produzione sia tornata ai livelli degli anni 2000 con la perdita di circa 10 mila occupati e la chiusura di moltissime imprese. La Cassa integrazione è in forte aumento anche in provincia dell’Aquila. Nel corso dell’audizione la delegazione di Ance ha illustrato anche altri aspetti come quelli legati alle attività estrattive, ai problemi dell’urbanistica e assetto del territorio, alle norme sismiche, alle procedure per il rilascio delle autorizzazioni ambientali, alla semplificazione amministrativa.

Print Friendly, PDF & Email