Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzo, agricoltura: parte campagna promozione olio

Abruzzo, agricoltura: parte campagna promozione olio

 

Raggiungere entro il nuovo anno il 90 per cento di consumo interno regionale: è l’obiettivo della campagna promozionale dell’assessorato all’Agricoltura per promuovere l’olio extra vergine abruzzese, anzitutto tra gli abruzzesi.

«Grazie ad una costante attività di pubblicizzazione – ha detto l’assessore, Mauro Febbo, presentando ‘Frantoni apertì, da domani a domenica 6 novembre – abbiamo visto crescere il consumo delle famiglie abruzzesi. Il mercato interno, accanto a quello extraregionale, è ugualmente interessante e fondamentale per sostenere una delle produzioni che forse più di altre testimoniano il mondo agricolo, perchè non c’è un imprenditore che non abbia sul proprio terreno una pianta di ulivo». Secondo il tecnico Arssa Marino Giorgetti, per quest’anno «la siccittà estiva ha penalizzato la produzione di un 15-20 per cento, ma non ha penalizzato la qualità che si riconferma ottima, con note particolarmente fruttate, che faranno sicuramente guadagnare nuovi e più attenti estimatori all’olio abruzzese». Purtroppo – ha dichiarato il presidente di Confrantoiani, Alberto Amorosola – la concorrenza dello scaffale nei centri commerciali, offre al cliente una approccio distorto con l’olio extravergine. È chiaro che un olio di qualità, certificato in tutto il suo iter, non potrà mai costare due euro ma è altrettanto vero che un olio dagli alti standard qualitativi e nutrizionali non potrà fare mai brutte sorprese. Ecco perchè iniziave come ‘Frantoi apertì servono a riconciliare il raporto tra clientela e olio di qualità, sapendo che l’olio extravergine è il principe dei condimenti, dentro una dieta mediterranea che due anni fa l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’Umanità«. »Frantoi aperti« si avvale della partecipazione di 52 frantoi regionali e si rivolge sia agli studenti e sia ai consumatori. Gli studenti interessati sono 2000, 92 le classi 33 gli istituti scolastici coinvolti.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi