Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzo, agricoltura: da UE proroga per aziende cratere

Abruzzo, agricoltura: da UE proroga per aziende cratere

 
La Commissione UE concedera’ una deroga con la quale sara’ possibile ammettere in graduatoria le domande dei giovani agricoltori aquilani e del “Cratere” esclusi dalla Misura 1.1.2 del Programma di sviluppo rurale per decorrenza dei termini.

L’istanza avanzata dall’assessore all’Agricoltura, Mauro Febbo, e’ giustificata dalle numerose difficolta’ causate dal sisma che ha colpito la provincia dell’Aquila nel 2009. Molti giovani agricoltori insediatisi temporalmente nei 18 mesi che vanno da gennaio 2008 a giugno 2009 e localizzati nel cosiddetto “Cratere” e in tutta la provincia dell’Aquila, non hanno presentato la domanda di aiuto nei termini previsti dal primo bando utile per la Misura 1.1.2 (30 giugno 2009) o non hanno potuto completare la procedura prevista (mancata consegna del materiale cartaceo). L’assessore Mauro Febbo sottolinea l’importanza di questo risultato arrivato dopo mesi di confronto con la Commissione UE. “Si tratta – rimarca Febbo – di un ulteriore riconoscimento all’operato del nostro assessorato e della Regione Abruzzo. Questo e’ un ennesimo effetto del lavoro che stiamo svolgendo attraverso il quale, con una dimostrata capacita’ di usufruire degli strumenti e dei mezzi messi a disposizione, ci siamo liberati dell’etichetta di regione ‘canaglia’. Avendo dimostrato competenza nell’esecuzione dei bandi e soprattutto di saper spendere ed erogare i fondi, abbiamo ottenuto la rimodulazione degli stanziamenti del PSR. Con l’accoglimento della nostra richiesta per la Misura 1.1.2 permetteremo a tanti giovani imprenditori di essere valutati ai fini dell’ammissibilita’ al premio per il primo insediamento. Si tratta di un’indispensabile misura del PSR – sottolinea Febbo – che ha come obiettivo principale quello di favorire il ricambio generazionale”. La Coldiretti esprime grande soddisfazione per la notizia annunciata dall’assessore regionale all’agricoltura Mauro Febbo circa la concessione, da parte dell’Unione Europea, della deroga con cui sara’ possibile riammettere nella graduatoria della misura 112 del Piano di sviluppo rurale (Psr) le domande dei giovani agricoltori del ‘cratere’ che erano rimasti esclusi dal bando per decorrenza dei termini. Una risposta tanto attesa e particolarmente sentita dalle giovani imprese abruzzesi aquilane gia’ provate dalle conseguenze del terremoto. La 112 e’ infatti la misura relativa al primo insediamento in agricoltura ed e’ volta a sostenere il ricambio generazionale attraverso l’inserimento di giovani imprenditori: una misura particolarmente importante che pero’, nella zona colpita dal sisma, aveva lasciato escluse numerose domande a causa dell’inevitabile ritardo nella presentazione della documentazione. Da qui intervento dell’assessore all’agricoltura Febbo che, ricevendo direttamente le istanze e le sollecitazioni della Coldiretti nel corso di un apposito incontro svoltosi ad Avezzano, si e’ fatto portavoce della preoccupazione del settore agricolo ottenendo di fatto dall’Ue la deroga annunciata oggi. Un grande risultato che apre un nuovo orizzonte all’agricoltura giovane e volenterosa di scommettere su se stessa.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi