Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, accordo ANCE – Intesa Sanpaolo: 2 mld per rilancio settore edile

Abruzzo, accordo ANCE – Intesa Sanpaolo: 2 mld per rilancio settore edile

Contrastare la crisi del settore edilizio e facilitarne la ripresa in sintonia con i provvedimenti inseriti nel Decreto Sviluppo. Questi i punti fondamentali dell’accordo siglato dall’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e da Intesa Sanpaolo ed oggi presentato nella sede di ANCE Abruzzo a Pescara da Antonio D’Intino, presidente dell’ANCE Abruzzo, e da Roberto Dal Mas, direttore generale di Banca dell’Adriatico, la banca del territorio del Gruppo Intesa Sanpaolo che opera in Abruzzo, alla presenza di Mauro Angelucci, presidente Confindustria Abruzzo, Enrico Marramiero, presidente Confindustria Pescara, Giandomenico Di Sante, presidente Banca dell’Adriatico e Daniele Becci, presidente Camera di Commercio di Pescara.
L’intento è quello di promuovere, dare attuazione e rendere operativo questo importante strumento finanziario per il riavvio dell’attività edilizia sul territorio regionale abruzzese, attività che risente fortemente dell’attuale fase di crisi economica.
L’accordo mette a disposizione delle imprese Ance un plafond di due miliardi di euro (a livello nazionale) per lo sviluppo di iniziative immobiliari con particolare attenzione alla valorizzazione e alla riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente. Principale obiettivo dell’intesa è di agevolare le imprese di costruzioni nella gestione delle unità abitative invendute, nella gestione dell’indebitamento a breve termine, nel finanziamento di nuovi cantieri, nell’anticipo del circolante su opere eseguite per conto di terzi. L’accordo si propone inoltre di sostenere il settore su aspetti fondamentali come l’efficienza energetica, le reti d’impresa, la formazione, l’internazionalizzazione e l’innovazione.
L’intesa raggiunta assume anche un particolare rilievo sul fronte della relazione tra la banca e l’impresa edile, determinante per un rapido rilancio del settore. Impegnandosi in una più approfondita conoscenza del business dell’impresa, dei suoi progetti di sviluppo e delle sue prospettive, si punta ad intervenire sul processo di valutazione dell’azienda: a tale scopo verrà costituito un tavolo di lavoro congiunto per stimolare il dialogo imprese-banca-territorio e promuovere lo scambio di conoscenze e informazioni finalizzato alla comprensione e al miglioramento dei modelli di valutazione relativi alle operazioni in ambito edilizio.
Tra gli obiettivi dell’accordo vi è anche la valorizzazione delle specificità dei territori tramite il coinvolgimento delle strutture locali e l’individuazione di referenti territoriali.
“L’accordo con Intesa Sanpaolo, qui operativo attraverso la banca del territorio del Gruppo, rappresenta un grande risultato soprattutto perché in questo periodo di grave crisi per il settore edile è importante garantire alle imprese sane il sostegno finanziario adeguato. – dichiara il presidente dell’Ance Abruzzo Antonio D’Intino – L’intesa dimostra che con un lavoro congiunto fra banche e imprese si possono individuare strumenti finanziari che meglio rispondono alle esigenze dell’industria delle costruzioni per aiutarla ad uscire dalla crisi. Ripristinare il circuito del credito è un passo fondamentale per la ripresa del settore e del Paese.”
“Questo accordo che Banca dell’Adriatico mette a disposizione delle imprese edili abruzzesi – commenta Roberto Dal Mas, direttore generale di Banca dell’Adriatico – conferma la nostra volontà di essere al fianco delle imprese per accompagnarle nei processi necessari a traghettare il sistema imprenditoriale oltre la crisi e a guardare al futuro. L’intesa con Ance si inserisce in un contesto di iniziative che Intesa Sanpaolo, e qui sul nostro territorio Banca dell’Adriatico, sta portando avanti nei diversi comparti economici, con l’obiettivo prioritario di assicurare il credito al sistema produttivo, stimolandone al contempo lo sviluppo nelle attività necessarie per la ripresa. Il settore dell’edilizia, in questa fase fortemente colpito, è prioritario per riattivare i meccanismi della crescita.”

Print Friendly, PDF & Email